fbpx

A proposito di trasparenza, giusto per restare in tema con il nostro ultimo articolo di qualche giorno fa (www.cambiamenti.biz/segnalazione-allagenzia-anticorruzione), oggi siamo qui a raccontarvi dell’utilizzo fantasioso della sezione Bandi e Avvisi del sito internet del Comune di Castellammare.

E’ del 27/05 il seguente avviso pubblico relativo all’acquisizione di profili professionali, al fine di affidare l’incarico per la stesura del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES).

Nello specifico si tratta di un Piano d’Azione al quale il Comune di Castellammare ha deciso di aderire, finalizzato all’adozione di una serie di iniziative pianificatorie e progettuali, volte all’abbattimento, nel giro di 2 anni, del 20% delle emissioni di anidride carbonica (CO2) prodotte all’interno del territorio comunale. Le iniziative che andrebbero adottate per il raggiungimento di tale obiettivo, verrebbero finanziate con fondi messi a disposizione dalla Comunità Europea.

Direte: “cosa c’è di sbagliato in tutto ciò? Sembra una bella iniziativa“. E infatti lo era anche per noi, salvo poi scoprire che quel bando pubblicato il 27/05… scadeva il 10/05! Infatti, nel testo dell’Avviso Pubblico (sezione relativa alla documentazione da presentare per la partecipazione) si riporta:

… La busta deve essere consegnata o inviata alla sede del Comune di CASTELLAMMARE DEL GOLFO, sita in C.so B. Mattarella, entro e non oltre le ore 10.00 del 10/05/2014 pena esclusione dalla procedura.

Giusto per aggiungere qualche altra informazione, forse utile al lettore, il Comune di Castellammare ha deciso di aderire al PAES già nel mese di Luglio dello scorso anno (30/07/2013). Dato che la presentazione del PAES deve avvenire entro un anno dall’adesione allo stesso Piano (salvo una proroga massima di 3 mesi). Perché ci si è ridotti agli sgoccioli, rischiando adesso di perdere un’occasione molto importante per il nostro paese? Ci sembra, tra l’altro, legittimo che sorgano parecchi dubbi, a noi come ad altri, riguardo alle modalità di selezione scelte. Chi può mai partecipare ad un bando già scaduto?

Ci siamo accorti dell’errore e abbiamo chiesto informazioni in comune, la reale data di scadenza risulta essere il 10/6 non il 10/5, adesso è stato corretto in albo pretorio ma sulla sezione bandi è ancora errato. Ammettiamo che si tratti di un semplice errore di battitura (comunque la data errata viene riportata più volte), non sarebbe il caso di fare più attenzione e fare le cose con meno superficialità? Non è la prima volta che gli uffici “dimenticano”, “sbagliano” o “non si accorgono che…”.

P.S. La pubblicazione on-line di bandi e avvisi pubblici è regolamentata dall’Art.32 Legge 69/2009. Il suddetto riferimento legislativo prevede che “A far data dal 1° gennaio 2010 (termine prorogato al 1° gennaio 2011 n.d.r.) gli obblighi di pubblicazione di atti e provvedimenti amministrativi aventi effetto di pubblicità legale si intendono assolti con la pubblicazione nei propri siti informatici da parte delle amministrazioni e degli enti pubblici obbligati.”

Bando:

http://80.23.205.180/atti/avvisi/lp/Avviso%20Castellammare%20Ultima%20Versionefto_270514.pdf

Pin It on Pinterest