fbpx

A sette mesi dalla sua elezione il sindaco Nicola Coppola riassegna le deleghe ai suoi assessori.
Nicola Coppola è stato eletto il 10 giugno, si è insediato il 19 ma abbiamo dovuto aspettare al 30 luglio per conoscere giunta e deleghe. Le deleghe assegnate risultavano però piuttosto vaghe ed incomplete: molti i settori scoperti, molti i mandati saldamente ancorati nelle mani del nuovo sindaco e una curiosa novità: la delega ai servizi a rete.
Voci di strada e di corridoio raccontano che neanche gli assessori designati capivano bene di cosa avrebbero dovuto occuparsi.

Ma tutto questo è storia!

Nicola Coppola in questi 7 mesi ha avuto modo di riflettere con calma, ci ha pensato e ripensato e finalmente  il 30/01/2014 ha riassegnato le deleghe alla sua giunta che ora sono così distribuite:

  1. Canzoneri Gaspare: Vice Sindaco – Impiantistica Sportiva, Sport, Rapporti con il Consiglio Comunale, Ambiente, Traffico, Viabilità, Protezione Civile e Polizia Municipale;
  2. Agugliaro Rossana Rosaria: Pari Opportunità, Turismo, Affari Generali, Patrimonio, Legalità e Contenzioso;
  3. Reginella Claudia Antonella: Arredo Urbano, Politiche Europee, S.I.T., Edilizia Popolare, Agricoltura, Pesca e Servizi Demografici;
  4. Bologna Antonio Salvatore: Bilancio e Finanze, Servizi Sociali, Pubblica Istruzione, Cultura e Politiche Giovanili.

In sintesi: un medico al traffico e all’ambiente; un avvocato al turismo; un architetto alle politiche europee – agricoltura e pesca e uno psicologo al Bilancio e alla Cultura… Senza contare che Nicola Coppola stesso, consulente del lavoro,  tiene strette per sé le deleghe ai lavori pubblici e all’urbanistica.

Complimentoni!!! Un trionfo delle competenze!!!

Tutti possono fare tutto!!! Evviva la tuttologia!

Quello che proprio non si può digerire è la delega al Turismo.

Con tutto il rispetto per Claudia Reginella (ex assessore al turismo) e Rossana Agugliaro (attuale assessore al turismo)… ci aspettavamo di più. Nel ricordare i soldi spesi inutilmente per spettacoli inesistenti e senza pubblico, balle di paglia buttate per un mese nella scalinata Crociferi che dovevano ricordare un presepe, mercatini di natale senza espositori… ci aspettavamo di più per un settore di così vitale importanza per la nostra città, un esperto o un imprenditore del settore… e invece no.

E poi… la ciliegina sulla torta: Salvo Bologna al bilancio! Ma sulla base di che, di quali competenze?

Vero è che gli assessori sono solo 4 e quindi bisogna “arrangiarsi” ma questo secondo noi è un poco troppo!!! Ci chiediamo quali siano i criteri che portano a tali scelte.… forse i partiti che pressano? Forse le “solite vecchie logiche politiche”? forse un banalissimo sorteggio?!

Senza volere qui dire/raccontare cosa avremmo fatto noi di Cambiamenti, quali deleghe avremmo assegnato a chi, proviamo a fare una simulazione con quello che abbiamo. Abbiamo un medico, un avvocato, un architetto, uno psicologo e un consulente del lavoro.

La logica ci suggerisce quanto segue:

Medico: Traffico, Viabilità, Protezione Civile, Polizia Municipale (visto che il medico in questione ha un’esperienza in tal senso come assessore alla provincia di Trapani). Rapporti con il Consiglio Comunale. E qui, siamo abbastanza allineati!!!!

Avvocato: Affari Generali, Patrimonio, Legalità e Contenzioso, Lavori pubblici, Pubblica Istruzione.

Architetto: Urbanistica, Impiantistica Sportiva, Edilizia Popolare, Arredo Urbano, Ambiente (con una grande forzatura), Cultura.

Psicologo: Servizi sociali, Politiche Giovanili e Sport, Pari Opportunità, Servizi Demografici; Politiche Europee.

Consulente del Lavoro: Bilancio e Finanze.

Per quanto riguarda le deleghe al Turismo, Agricoltura e Pesca no!!! Proprio non ce la sentiamo di affidarle. Troppo strategici questi settori per la nostra città per lasciarli all’improvvisazione di chi non ha specifiche competenze.

Pin It on Pinterest